Nella Nebulosa del Granchio si nasconde una stella di neutroni (tutte le foto)

 La foto ai raggi-x della Nebuolsa del Granchio, si vede l'energia emessa dalla pulsar

Nella costellazione del Toro, nel 1054 dc si osservò dalla Terra, coi pochi strumenti dell’epoca, la morte di una stella. L’esplosione della  SN 1054 (Supernova del Granchio)  fu infatti osservata da astronomi cinesi ed arabi, che la descrissero come talmente brillante da risultare visibile anche di giorno per 23 giorni consecutivi (mentre durante la notte per 653 giorni consecutivi), ma anche descritta dalle leggende dei nativi americani, in particolar modo gli Anasazi.

Ora mille anni dopo è stata fotografata (foto sopra, qui più grande) l’intera Nebulosa del Granchio (in espansione), e la stella di neutroni (detta anche pulsar) frutto di quella esplosione, cioé una stella particolarmente densa e compatta, che però rilascia un’energia pari a 10.000 Soli (vedi la zona blue della foto, fonte: Nasa)!

Altre foto pazzesche della Nebulosa:

Leggi tutto »Nella Nebulosa del Granchio si nasconde una stella di neutroni (tutte le foto)

Keplero, pianeti extrasolari ed alieni, tutto inutile?

Come sicuramente voi tutti sapete è stato lanciato poche settimane fa in orbita il telescopio Keplero,con lo scopo principale di scandagliare lo spazio più profondo alla ricerca di pianeti extrasolari quanto più possibile simili alla nostra Terra, per composizione, atmosfera e vicinanza alla stella di riferimento del proprio sistema.

La sonda americana – costata 600 milioni di dollari – è equipaggiata con un telescopio da una tonnellata dotato di uno specchio principale di 140 centimetri, capace di inquadrare un campo pari a 105 gradi quadrati di cielo. Lo strumento può rilevare anche le sorgenti di luce più deboli e l’offuscamento periodico di una stella causato dal passaggio di un pianeta. Si tratta del cosiddetto metodo dei transiti, quello comunemente usato per misurare la presenza di pianeti intorno a una stella.

Spingendosi fino a 3mila anni luce, nel mirino del fotometro di Keplero ci sono i pianeti solidi, composti di rocce e silicati. Non solo devono avere consistenza, ma anche la distanza giusta dalla loro stella da consentire – almeno sul piano teorico – la presenza di acqua allo stato liquido e dunque di forme di vita come noi le conosciamo e rientrare dunque nella cosiddetta “fascia di vivibilità (dal Sole24ore)”.

La corsa agli esopianeti (pianeti esterni al sistema solare) è appena iniziata ma ha già raccolto oltre 300 mondi accertati, o almeno intuiti, infatti la maggior parte di essi, sono stati scoperti tramite metodi di osservazione indiretta, mentre a Keplero si chiede una selezione decisamente rigorosa e se a tutto ciò aggiungiamo un recente servizio della BBC che stima essere i pianeti abitati  tra i 361 ed i 38.000 solo nella nostra galassia.. beh.. non può che coglierci un senso di eccitazione misto a stupore.

 

Leggi tutto »Keplero, pianeti extrasolari ed alieni, tutto inutile?

La Teoria della relatività di Einstein (spiegata facile)

Nel tentativo di spiegare facilmente la Teoria delle Stringhe a chiunque, mi sono imbattuto in due documentari gemelli, l’uno è focalizzato sulla Teoria delle stringhe quale ricerca dell’unificazione di tutte le principali Teorie della fisica, una sorta Teoria del tutto, e nel far ciò spiega tutti i tentativi precedenti succedutisi lungo la strada dell’unificazione, bene.. esso diventa un documentario sullo sviluppo della fisica moderna, da Newton ad Einstein a Bohr e via dicendo..

Il secondo documentario, anch’esso suddiviso per spezzoni, entra più a fondo nella Teoria delle Stringhe.. alla fine diventa un po complesso.. per questo io salterò un pochino dall’uno all’altro, senza mostrarveli entrambi interamente, ma fornendovi infine i links per approfondire entrambi qualora vogliate.. ma in maniera tale da avere comunque una comprensione di base di ogni aspetto della fisica moderna, e ciò in maniera facile ed immediata 🙂

Nella puntata di  oggi viene spiegata in maniera semplice ed immediata cosa è la Teoria della relatività generale di Einstein, come ci si è arrivati coniugando le scoperte di 3 secoli prima di Newton sulla gravità, con la scoperta della velocità della luce di Einstein, secondo quest’ultimo la gravità altro non è che una curvatura nel tessuto spazio temporale.. non si capisce nulla eh? sembra arabo? Bene, guardatevi il filmato e sarete in grado dispiegarla in due parole anche ai vostri amici 😉

 

Teoria della Relatività Generale, il video:

Leggi tutto »La Teoria della relatività di Einstein (spiegata facile)

La Teoria delle stringhe (secondo Gwyneth Paltrow)

Eccoci al secondo capitolo sulla Teoria delle Stringhe, nel primo articolo abbiamo giocato, abbiamo introdotto la materia in maniera facile, cercando di colpire la vostra attenzione  e stupirvi.. stavolta entriamo più a fondo nella materia con la prima parte di un documentario molto bello che rende tuttofacile da comprendere.. dura sugli 8 minuti.. ma va via liscio come l’olio, ha il dono di rendere tutto facilmente comprensibile, ne seguiranno altri sei negli articoli a seguire.. infine un altro video, tratto da Sliding Doors, con Gwyneth Paltrow, anche la trama di quel film diventa infatti plausibile in base alla teoria delle stringhe.. buona visione 🙂

{youtube}3vV8b5UIhmc{/youtube}

Leggi tutto »La Teoria delle stringhe (secondo Gwyneth Paltrow)

Polpi in fuga, pesci psichedelici e tesori sommersi..

polpo in fugaNell’acquario di Santa Monica in California, è successo qualcosa di imprevedibile, c’è stato un tentativo di evasione che ha lasciato tutti di stucco, un piccolo polpo dalla doppia macchia infatti, grazie ai suoi 8 tentacoli ma anche ad una grande forza e voglia di libertà si è aggrappato ad un tubo e lo ha stretto fino a riuscire a danneggiarlo e far spruzzar fuori acqua.. una forza indicibile per un animaletto grande quanto l’avambraccio di un uomo.. un danno tale da allagare mezzo acquario e tutti gli uffici di acqua salata..  non so voi ma a me sta simpaticissimo  🙂

Maggiori info (in inglese) sul sito del Los Angeles Times

 

 

Leggi tutto »Polpi in fuga, pesci psichedelici e tesori sommersi..

Pushkar, la Città Santa Vegetariana

 Pushkar, la città Santa vegetariana

Si narra che gli Dei liberarono un cigno con dei fiori di loto nel suo becco, che fece cadere a terra nel punto in cui Brahma avrebbe poi eseguito uno Yajna (in sanscrito o Yagna anglicizzato), cioé un sacrificio rituale consistente nel versare oblazioni, cioè doni, nel divino Agni, il Fuoco, che tutto purifica..

Ecco quindi che  Pushkar significa “che nasce da un fiore..”.

Questa piccola cittadina del Rajastan è una delle quattro città Sacre dell’Induismo,  raccolta attorno al suo lago anch’esso Sacro, dove ogni indiano sogna di poter compiere delle abluzioni specie se durante il plenilunio d’autunno, essa è l’unica avente un tempio dedicata al dio Brahma.

Altra particolarità è quella di essere l’unica città al mondo Vegetariana, vi è un check point nell’unico punto d’ingresso, una sorta di dogana, dove si dichiare di non avere con se ne carne, o meglio di non avere cibo non vegetariano, ne alcohol ne droga..  la cosa stupefacente è che per i turisti uno strappo alla regola, nei piani alti dei ghat, dove alloggiano i turisti, dove ci sono ristoranti e locali da essi frequentati, è possibile procurarsi ognitipo di droga e di alcolico.. ma non di carne.. per nessun motivo o ragione..

Leggi tutto »Pushkar, la Città Santa Vegetariana