Turchia

La Bellezza Fulcro dello Sviluppo nel Mediterraneo, Accordo firmato in Puglia!

cisternino-bellezza

Lo so, lo so non ne sta parlando nessuno ma l’accordo appena firmato a Cisternino contiene al suo interno un’ idea rivoluzionaria, far divenire la bellezza il volano dello sviluppo del Mediterraneo, sembra un’utopia, ma potrebbe non esserlo affatto. Andiamo con ordine, nei giorni scorsi a Cisternino, in Puglia, alla prima “Conferenza internazionale del Mediterraneo” promossa dai “Borghi più belli d’Italia” (e organizzata grazie anche all’amministrazione comunale locale, alla Regione Puglia, all’Unione Europea, all’Anci, al Ciheam, istituto agronomico Mediterraneo e al Gal Valle d’Itria), si sono riuniti i delegati di tante nazioni del bacino del Mediterraneo, come Albania, Bosnia, Croazia, Grecia, Israele, Malta, Montenegro, Palestina, Slovenia, Spagna, Turchia.

Leggi tutto »La Bellezza Fulcro dello Sviluppo nel Mediterraneo, Accordo firmato in Puglia!

#Duranadam: L’uomo che sta fermo, in piedi, di fronte al potere!

duranadam

#Duranadam: La protesta giovanile in Turchia, seppur repressa come tutti sappiamo dai giornali, sta mostrando al mondo straordinari atti di bellezza, quasi che la stessa si contrapponesse alla bruttura repressiva della polizia. Da prima vi parlai dei piatti ordinati dalla popolazione via internet ai fast food della zona, da consegnarsi ai manifestanti, oggi vi parlo di Erdem Gündüz, il ragazzo di Izmir, con studi da ingegnere elettronico ma una vita all’insegna della danza, un’artista insomma. E solo un creativo poteva inventarsi nel mezzo degli scontri di Istanbul una protesta pacifista che sta diventando virale a macchia d’olio.

Leggi tutto »#Duranadam: L’uomo che sta fermo, in piedi, di fronte al potere!

Turchia: Arrivano via internet i pasti per i manifestanti

Taksim-Gezi-Park-istambul

Saprete sicuramente tutti cosa sta succedendo in questi giorni in Turchia, migliaia e migliaia di giovani occupano le piazze e fronteggiano la polizia per protestare vuoi contro la distruzione del Gesi Park presso piazza Taksim a  Istambul a favore della speculazione edilizia di turno, vuoi contro un governo nazionale ritenuto troppo islamista in un paese che ha combattuto aspramente per la sua laicità, vuoi contro l’eccessivo autoritarismo del primo ministro. Non sono qui per esprimere pareri o per sindacare sulla vita politica di un altro paese. Sono qui per sottolineare uno splendido gesto di solidarietà, la popolazione infatti sta reagendo comprando migliaia di pasti per i manifestanti, li ordinano e pagano via internet ai fast food e ai ristoranti della zona, ordinando di portarli ai manifestanti della piazza in maniera che essi possano rifocillarsi senza lasciare il presidio.  Il direttore di Yernel Sepeti, una delle principali catene di fast food a domicilio del Paese, dice di aver ricevuto anche più di mille ordinazioni in una sola giornata.

Leggi tutto »Turchia: Arrivano via internet i pasti per i manifestanti